Most Popular


Be Familiar With the Taping Way to Seal your Valuables
The most crucial facet of product packaging ones great is toclose snug the item. The many weight from the carton ... ...





ASIA/TURCHIA - Arresti domiciliari per il pastore Brunson. Ma sul suo caso si riaccende lo scontro Usa-Turchia

Rated: , 0 Comments
Total hits: 4
Posted on: 08/05/18
Izmir – Il pastore cristiano evangelico statunitense Andrew Craig Brunson, arrestato e processato in Turchia per presunte complicità con forze accusate di atti terroristici e trame sovversive anti-turche , ha lasciato mercoledì 25 luglio la prigione in cui era detenuto ed è potuto tornare nella sua casa di Izmir, in regime di libertà condizionata, in attesa di conoscere la sentenza del processo intentato contro di lui dalle autorità turche. La concessione degli arresti domiciliari per Brunson è stata disposta dal tribunale di Izmir mentre il Presidente turco Recep Tayyip Erdogan si trovava fuori dal Paese.
Proprio l'entrata in vigore della nuova misura riguardante l'imputato ha conciso con una nuova escalation dello scontro in atto tra USA e Turchia intorno a una vicenda che ha da tempo travalicato i confini del caso individuale, divenendo vera e propria emergenza geopolitica.
Ad alzare di nuovo i toni intorno al caso del pastore Brunson è stato lo stesso Presidente Usa Donald Trump: giovedì 26 luglio, sul suo account twitter, Trump ha definito Brunson "un grande cristiano, un uomo di famiglia e un meraviglioso essere umano” sottoposto a gravi sofferenze, chiedendone l'immediata liberazione. Anche il vice Presidente Usa Mike Pence è intervenuto sul caso, ripetendo che Brunson è un uomo innocente, che non ci sono prove credibili contro di lui", e minacciando “sanzioni significative contro la Turchia, se non ci saranno passi concreti e solleciti per affrettarne la liberazione. La risposta turca non si è fatta attendere: il ministro degli esteri turco Mevlut Cavusoglu ha ribattuto via twitter che "nessuno può forzare la mano alla Turchia”, che il Paese guidato da Erdogan "non tollererà mai minacce da nessuno” e che in quel Paese “lo Stato di diritto vale per tutti, senza eccezioni". Gli ha fatto eco il vice presidente Fuat Oktay, ripetendo anche lui che la Turchia non avrà alcuna tolleranza per accuse infondate e “a buon mercato” rivolte all'apparato giudiziario turco. La questione è stata anche al centro di colloqui riservati tra i funzionari diplomatici di USA e Turchia.
Andrew Craig Brunson, responsabile della chiesa evangelica della Resurrezione a Izmir , era stato convocato dall'ufficio turco dell'immigrazione nell'ottobre 2016, insieme alla moglie, Lyn Norine . Alla coppia era stato inizialmente comunicato l'obbligo di lasciare la Turchia, giustificando tale misura con l'accusa vaga di aver ricevuto fondi dall'estero per finanziare iniziative missionarie e di aver messo a rischio la sicurezza del Paese con le loro attività. Successivamente, per il pastore evangelico il decreto di espulsione si è trasformato in arresto, dopo che un testimone segreto lo aveva accusato di appartenere al cosiddetto FETO .

>>

Comments
There are still no comments posted ...
Rate and post your comment


Login


Username:
Password:

forgotten password?