Most Popular


Be Familiar With the Taping Way to Seal your Valuables
áThe most crucial facet of product packaging ones great is toclose snug the item. The many weight from the carton ... ...





ASIA/BANGLADESH - Il Vescovo Gomes: “Siamo tutti coinvolti nel perdono chiesto ai Rohingya”

Rated: , 0 Comments
Total hits: 30
Posted on: 12/08/17
Dacca – “Il Papa, venendo in Bangladesh, prima di tutto ha voluto mostrare, come capo spirituale, fiducia nella nostra nazione e attenzione al popolo bengalese. Gliene siamo grati. L'intero paese si Ŕ fermato per accoglierlo e seguirne i gesti e le parole. Per il piccolo gregge della nostra Chiesa Ŕ stato un momento emozionante e importante dal punto di vista spirituale, perchŔ Ŕ venuto a incoraggiare e rafforzare al fede del popolo di Dio”. Lo dice all'Agenzia Fides Theotonius Gomes, Vescovo ausiliare Dacca e presidente della Caritas Bangladesh, raccontando l'ereditÓ e lo spirito che la visita di Papa Francesco ha lasciato nel paese.
Il Vescovo Gomes rimarca a Fides: “Il Papa ci ha mostrato di avere a cuore i poveri e i piccoli. Inoltre le autoritÓ politiche, la societÓ civile, i leader religiosi musulmani hanno voluto incontrarlo e dialogare con lui: Ŕ stato un fecondo scambio interculturale e interreligioso, prezioso per il nostro paese e prezioso per le piccole comunitÓ qui presenti, come quella cristiana”.
“ResterÓ scolpito nella nostra memoria - prosegue mons. Gomes - l'incontro con i profughi Rohingya che il Papa ha voluto incontrare uno per uno, di persona e col cuore, mostrando una grande empatia, esprimendo amore, compassione e anche la necessitÓ di venire incontro ai loro bisogni. Risuona ancora nel nostro cuore la sua richiesta di perdono, fatta a nome di tutta l'umanitÓ. Ci sentiamo tutti coinvolti in questo perdono, come uomini e come cristiani. E ci sentiamo coinvolti nell'impegno di aiutarli”.
A conclusione di questo viaggio, dice il Vescovo ausiliare di Dacca, “ci resta grande felicitÓ e nuova speranza per il nostro cammino di piccola Chiesa, piccolo gregge che vive e testimonia il Vangelo in questo tempo, in questo paese, in questa societÓ, sempre confidando nella grazia di Dio e riponendo in Lui ogni speranza”.

>>

Comments
There are still no comments posted ...
Rate and post your comment


Login


Username:
Password:

forgotten password?