Most Popular


Be Familiar With the Taping Way to Seal your Valuables
 The most crucial facet of product packaging ones great is toclose snug the item. The many weight from the carton ... ...





AMERICA/MESSICO - Una settimana dal sisma: 90 morti, comunità ancora irraggiungibili, la Chiesa punto di riferimento degli aiuti

Rated: , 0 Comments
Total hits: 8
Posted on: 09/19/17
Oaxaca – E’ passata una settimana del tremendo sisma verificatosi in Messico il 7 settembre, che ha avuto come epicentro la zona di Pijijiapan, nel Chiapas, a cui sono seguite 634 repliche che hanno lasciato migliaia di famiglie senza casa e una quantità enorme di danni alle persone, alle infrastrutture e alle comunità.
La Chiesa cattolica, attraverso Caritas Mexico, intervenuta fin dai primi momenti, non si è mai fermata nelle operazioni di aiuto e assistenza alle zone più colpite. A livello regionale e nazionale, le varie articolazioni del mondo cattolico hanno promosso raccolte di alimenti e medicinali, di beni di prima necessità, oltre alla mobilitazione del volontariato per la distribuzione degli aiuti nelle zone colpite.
Padre Rogelio Narvaez, segretario esecutivo della Caritas Messicana e della Commissione Episcopale della Pastorale Sociale, ha spiegato in una nota inviata a Fides, che le zone più colpite sono Minatitlan , Oaxaca e il Chiapas. Malgrado tante chiese e parrocchie abbiano subito gravi danni alle infrastrutture, hanno messo a disposizione locali, saloni, cappelle, che sono diventati rifugio e alloggio dei senza tetto o centri di raccolta per la distribuzione degli aiuti.
Secondo quanto ha detto Mons. Alfonso Miranda Guardiola, Vescovo ausiliare di Monterrey e segretario della Conferenza Episcopale Messicana , ancora non è possibile quantificare di preciso i danni complessivi alle strutture della Chiesa. Un primo bilancio provvisorio segnala 122 chiese con gravi danni, di cui quasi 90 sono state chiuse per la salvaguardia dei fedeli o per il rischio di crollo.
Ciò che colpisce di più, continua Mons. Miranda, è il rapporto dei Vescovi della zona, cioè quelli di Tehuantepec, Tapachula, Antequera-Oaxaca e della prelatura di Mixes, dai quali si apprende che ci sono più di 20 comunità rurali che, dopo una settimana, non sono ancora raggiungibili, e non si conosce nemmeno la gravità dei danni alla popolazione, alle famiglie e alle chiese. Colpisce anche, secondo padre Rogelio Narvaez, la solidarietà internazionale che arriva concretamente dalla Chiesa cattolica in Germania, Norvegia, Spagna, Francia e anche dalla Corea del Sud.
Il terremoto di magnitudo 8.2 che ha colpito la costa meridionale del Messico la sera del 7 settembre, ha provocato almeno 90 morti. Secondo le autorità locali 71 persone hanno perso la vita nello Stato di Oaxaca, 15 sono i morti nel Chiapas e 4 a Tabasco.



>>

Comments
There are still no comments posted ...
Rate and post your comment


Login


Username:
Password:

forgotten password?